Naître Svetlana Staline

Naître Svetlana Staline

Nel 1967, in piena guerra fredda, l’unica figlia di Joseph Stalin, Svetlana, si reca all’ambasciata americana di New-Dehli e chiede asilo. Lascia il suo Paese e i suoi due figli. In Oriente come in Occidente, lo shock è immenso. Dal punto di vista geopolitico, il caso è estremamente sensibile: in preda al panico, il presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson la nasconde nella Svizzera romanda, dove la ragazza alloggerà presso delle suore. Inseguita dalla stampa, dal KGB e da molti ammiratori, Svetlana non smetterà mai di fuggire per tutta la vita. Dai vertici dell’impero sovietico alla solitudine e alla povertà dei suoi ultimi anni in una casa del Wisconsin, il film traccia il destino di questa donna risolutamente libera, un granello di sabbia nella macchina statale di entrambi i blocchi.

Life is Beautiful – Al Haya Helwa

Life is Beautiful – Al Haya Helwa

Palestinian filmmaker Mohamed Jabaly insists on telling stories from his hometown Gaza sharing his own experiences and perspectives, not accepting the boundaries imposed by international politics and rigid bureaucracy. Stuck in the cold and dark arctic of Northern Norway, only able to connect to his family online, he manages to activate his own creativity and the support from his friends to keep up his motto LIFE IS BEAUTIFUL.

Follow us #ICarus

Follow us #ICarus

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in EN e DE. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

Andreas und Daniel teilen nicht nur eine lebenslange Freundschaft, sondern auch ihre Ausbildung zum Automechaniker in der pittoresken Garage von Herisau. Doch während Andreas in der Welt der Motoren aufblüht, fühlt sich Daniel in seiner Ausbildung gefangen. Sein wahrer Traum ist es, als Influencer die Welt zu erobern. Um spektakulären Content für seine Follower zu kreieren, lässt er sich von Andreas bei waghalsigen Stunts filmen.

Doch in ihrem Streben nach dem nächsten aufregenden Moment verlieren die beiden Freunde den Bezug zur Realität. Auf der Jagd nach dem ultimativen “Thrill” stürzen sie sich in gefährliche Situationen und verfallen immer mehr dem Sog von Drogen. Die Grenze zwischen ihrem eigenen Leben und den inszenierten Abenteuern verschwimmt zusehends.

Inmitten des Rauschs und der sich überschlagenden Ereignisse kommt es zu einem tragischen Zwischenfall, der nicht nur ihre Freundschaft auf die Probe stellt, sondern auch ihr gesamtes Leben auf den Kopf stellt. Während die beiden nach Antworten suchen, erkennen sie, dass ihre Suche nach Extremen nicht nur ihren emotionalen, sondern auch ihren physischen Zustand auf eine harte Probe gestellt hat. Eine Geschichte über Freundschaft, Selbstfindung und die gefährlichen Abgründe, die sich auftun, wenn man die Realität aus den Augen verliert.

Se solo potessi ibernarmi

Se solo potessi ibernarmi

Vincitore del Premio del Pubblico al Film Festival Diritti Umani Lugano

Lontano dal romanticismo dei viaggi, la regista mongola Zoljargal Purevdash racconta la storia di un adolescente di talento che deve assumersi la responsabilità della sua famiglia, con molto umorismo e speranza.

Ulzii, un adolescente indigente ma molto dotato e orgoglioso, vive con la sua famiglia nel quartiere delle yurte di Ulaanbaatar. Ha la possibilità di dimostrare il suo eccezionale talento accademico in una gara di fisica, che significa una borsa di studio e la prospettiva di un futuro. Ma prima deve far superare ai suoi fratelli e sorelle il gelido inverno, e per farlo deve accettare un lavoro rischioso.

La regista mongola Zoljargal Purevdash racconta la storia senza compromessi di un adolescente pragmatico che diventa adulto nel freddo spietato della Mongolia, trovando umorismo e calore nella vita quotidiana della famiglia.

Questa storia gli ha assicurato un posto al Festival di Cannes di quest’anno, come primo film mongolo nella storia del festival.

« Un’opera prima sicura di sé  » Screendaily

« SE SOLO PORTESSI IBERNARMI mette in luce non solo il divario tra città e campagna, ma anche la disparità socio-economica all’interno della metropoli » View of the Arts

« Onesto e commovente » View of the Arts

« SE SOLO PORTESSI IBERNARMI è un dramma sociale schietto con rilevanza locale, fascino universale e molto cuore » View of the Arts

«Una storia avvincente di difficoltà e ambizione » A Good Movie to Watch

Promotional Partners
Mandach Naran

La Sirena

La Sirena

Uno sguardo all’assedio di Abadan nel 1980 attraverso il potere astrattivo e curativo dell’animazione

1980, Abadan. La capitale dell’industria petrolifera iraniana resiste all’assedio iracheno. Il quattordicenne Omid ha sfidato l’assedio ed è rimasto in città con il nonno per aspettare il ritorno del fratello maggiore dal fronte. Insieme a Omid, sono rimasti in città alcuni personaggi straordinari, che hanno tutti le loro ragioni e resistono a modo loro. Ma il cappio si stringe quando Omid cerca di salvare i suoi nuovi conoscenti con l’aiuto di una barca abbandonata che trova nel porto e che diventa la sua arca.

Con il potere astrattivo e curativo dell’animazione, Sepideh Farsi ha creato un racconto d’avventura che trabocca di ottimismo, ponendo le donne e gli outsider sociali come protagonisti silenziosi di una guerra che era già iniziata con la Rivoluzione islamica in Iran prima degli attacchi iracheni.

Golden Seniors

Golden Seniors

Cinque anziani che per 18 mesi parteciperanno a un esperimento per invecchiare bene. Si tratta di un allenamento intenso della mente, basato sulla “mindfulness” e sull’altruismo, che sarà misurato per uno studio scientifico che valuta gli effetti della meditazione sull’invecchiamento. Il film racconta il loro percorso personale e lo mette a confronto con l’obiettività scientifica e le sfide dell’invecchiare bene nella nostra società. Vivere sempre più a lungo – sì, ma come funziona?

Al di là dell’avventura di questi anziani, il film mostra la meditazione come un modo per entrare in contatto con se stessi e con l’ambiente circostante. Illumina le realtà di questo percorso con inciampi, momenti di dubbio, gratitudine, gioia e talvolta liberazione.

 

Promotional Partners
CHUV Lausanne | CNP Neuchâtel | Ensemble Hospitalier de la Côte | HÔPITAUX UNIVERSITAIRES GENÈVE | Mindfulness Swiss | Pro Senectute Schweiz | UNIVERSITÉ DE GENÈVE |

Plan 75

Plan 75

In un futuro prossimo, il programma governativo giapponese “Plan 75” incoraggia gli anziani a morire volontariamente per combattere l’invecchiamento della società. Un anziano che non può più vivere in modo indipendente, un pragmatico venditore del “Piano 75” e una giovane badante filippina si trovano ad affrontare una decisione di vita o di morte.

PLAN 75 di Chie Hayakawa è una storia meravigliosamente umanistica che utilizza in modo fantasioso la crisi dell’invecchiamento in Giappone come modello per una narrazione distopica. Ma PLAN 75 non è tutto buio. Seguendo Michiko, Maria e Hiromu nel loro viaggio, il regista Hayakawa celebra la vita e tutti i suoi piccoli piaceri quotidiani. Il fulcro di questo trittico di storie è Michiko, incarnata dalla formidabile Chieko Baisho, un’anziana indipendente che si rivolge al “Piano 75” come ultima opzione.
 PLAN 75 reçoit les trois prix les plus importants au Festival du Film International de Fribourg : Grand Prix, the Critics’ Choice Award et Comundo Youth Jury Award 
Big Little Women

Big Little Women

Come si può parlare di lotte femministe in modo tenero con un patriarca illuminato? La regista svizzero-egiziana Nadia Fares intreccia una cronaca personalizzata del femminismo in Egitto con un omaggio all’amato padre.
Per questo, ritrae tre generazioni di donne che si battono per i loro diritti, ma i cui progressi sono spesso seguiti da sconfortanti battute d’arresto e dalla rassegnazione. Allo stesso tempo, diventa chiaro come la storia delle lotte femminili si intrecci con i cambiamenti politici e sociali dell’intera nazione.

In questa lettera cinematografica, la regista svizzero-egiziana Nadia Fares commemora suo padre e racconta in modo personale 75 anni di lotta delle donne in Egitto, il Paese di suo padre, e in Svizzera, il Paese di sua madre. In questo modo, esplora gli effetti delle tradizioni patriarcali in Oriente e in Occidente e li rivela come immagini speculari.

Promotional Partners
RECIF | Tea Room (Fribourg) | Gender Campus | Mampreneures (association suisse des mamans entrepreneurs) | Association suisse pour le droit de la femme | EPFelles | OSAR (Organisation Suisse d’Aide aux réfugiers) | ParMi (Fribourg) (MNA) (Fribourg) | BIF Bureau information Femmes (Lausanne) | CSP (centre social protestant) – Genève | Service jeunesse et cohésion sociale (Yverdon les Bains) | Business and Professional Women Club Genève | Business and Professional Women Club Fribourg | Bureau Lausannois pour les Immigrés Lausanne | Service de la sécurité sociale, secteur intégration (Renens) | Bureau de l’intégration (Vevey) | elisa-asile | Association AMIS (Aigle) | podcast tea-room | Association pour la Promotion des Droits Humains | ACES Association culturelle Egypto-Suisse | Defence for Children (impact days 2021) | Frauenstadtrundgang Zürich | Gosteli Stiftung Archiv zur Geschichte der schweizerischen Frauenbewegung | Männer.ch Schweizerisches Institut für Männer | Swonet Swiss Women Network | womenmatters Blogg Frauen und Karriere | Haus der Religionen – Dialog der Kulturen (Bern) | Die Feministen | Frauenzentrale Zürich | Human Rights Film Festival Zurich | Fem So – Feministischer Verein Kanton Solothurn | Frauenzentrale Aargau | Elisa-asile |

L’ultima Regina – El Akhira

L’ultima Regina – El Akhira

Opulenta epopea storica dall’Algeria

Algeria, 1516: il pirata Aroudj Barbarossa, insieme al re Salim Toumi, scaccia gli occupanti spagnoli da Algeri. Ma la pace è di breve durata: si dice che Barbarossa abbia assassinato il re e si sia dichiarato sovrano. Quando tutti i membri della corte reale fuggono, solo la regina Zaphira si oppone a lui. Tra storia e leggenda, la sua ribellione racconta lo sconvolgimento personale e politico che subisce per amore di Algeri.

Lo spettacolo cinematografico algerino è il primo del suo genere e riproduce il mondo multilingue e variegato del Maghreb nei luoghi storici. Raccontato per la prima volta da una prospettiva femminile, L’ULTIMA REGINA – EL AKHIRA rompe con la tradizione e crea spazio per una donna che diventa un’eroina nelle avversità.

È una storia che gli algerini non hanno mai visto prima e di cui hanno bisogno per scavare in profondità nella loro storia e cultura. – Cineuropa

l’opera prima co-diretta dalla regista-attrice algerina Adila Bendimerad e dal regista franco-algerino Damien Ounouri – ci immerge, oscillando tra raffinata vita di corte e battaglie sanguinose, splendore regale e lotte all’ultimo sangue.
all’ultimo sangue. – Cineuropa

Il co-regista/co-sceneggiatore Damien Ounouri ha definito il film come
un dramma in costume, e non ha mentito. Ma sembrava molto di più. Sembrava un buon episodio di Game of Thrones. – Universal Cinema

The Last Queen (113 minuti) esplora i capitoli sottorappresentati della storia e offre ampio spazio a prospettive e voci espunte. È un’opera d’epoca intima e splendidamente girata su una complicata figura eroica femminile. – High on Films

Frontliner invisibili

Frontliner invisibili

Ci sono professioni senza le quali la società non potrebbe funzionare. Chi sono i custodi, le persone che mandano avanti la vita di tutti i giorni, che tengono pulite le case, forniscono cibo e rendono possibile al resto di noi di vivere e lavorare comodamente anche durante una pandemia?

In Svizzera, c’è una sostanziale mancanza di riconoscimento sociale per questi operatori di prima linea. Prima, molti di loro erano in gran parte invisibili. La situazione è cambiata. Oggi la società è consapevole del valore del loro lavoro. Ma cosa è cambiato davvero? E come si sentono questi grandi lavoratori di fronte all’attenzione che improvvisamente ricevono? Perché mantengono il loro lavoro e cosa cambierebbero?
Il film dà voce a coloro che di solito rimangono silenziosi e invisibili: una madre single, una giovane infermiera, una responsabile delle vendite e madre di tre figli, un’assistente all’infanzia politicamente attiva e un immigrato portoghese che lavora come direttore di un ristorante. In modo molto fine e silenzioso, vengono affrontate realtà crude e i grandi temi di questi protagonisti diventano vicini e chiari.

Solothurner Filmtage