The Shameless

The Shameless

Nel cuore della notte, Renuka fugge da un bordello di Delhi dopo aver accoltellato a morte un poliziotto.
Si rifugia in una comunità di prostitute nel nord dell’India, dove incontra Devika, una giovane ragazza condannata alla prostituzione.
Il loro legame si trasforma in una storia d’amore proibita. Insieme, intraprendono un viaggio pericoloso per sfuggire alla legge… e forgiare il proprio cammino verso la libertà.

Nata Svetlana Stalin

Nata Svetlana Stalin

Nel 1967, in piena guerra fredda, l’unica figlia di Joseph Stalin, Svetlana, si reca all’ambasciata americana di New-Dehli e chiede asilo. Lascia il suo Paese e i suoi due figli. In Oriente come in Occidente, lo shock è immenso. Dal punto di vista geopolitico, il caso è estremamente sensibile: in preda al panico, il presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson la nasconde nella Svizzera romanda, dove la ragazza alloggerà presso delle suore. Inseguita dalla stampa, dal KGB e da molti ammiratori, Svetlana non smetterà mai di fuggire per tutta la vita. Dai vertici dell’impero sovietico alla solitudine e alla povertà dei suoi ultimi anni in una casa del Wisconsin, il film traccia il destino di questa donna risolutamente libera, un granello di sabbia nella macchina statale di entrambi i blocchi.

Riverboom

Riverboom

Nel 2002, un giovane e cauto graphic designer viene portato, contro la sua volontà, in un tour completo dell’Afghanistan da due impavidi reporter. Con una videocamera comprata al bazar di Kabul, li seguirà per due mesi in un viaggio selvaggio. O come trovare la propria strada nella vita quando si è timorosi, antimilitaristi e, dopo la morte dei genitori, si diventa involontariamente reporter di guerra subito dopo l’11 settembre.

Life is Beautiful – Al Haya Helwa

Life is Beautiful – Al Haya Helwa

Palestinian filmmaker Mohamed Jabaly insists on telling stories from his hometown Gaza sharing his own experiences and perspectives, not accepting the boundaries imposed by international politics and rigid bureaucracy. Stuck in the cold and dark arctic of Northern Norway, only able to connect to his family online, he manages to activate his own creativity and the support from his friends to keep up his motto LIFE IS BEAUTIFUL.

Follow us #ICarus

Follow us #ICarus

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in EN e DE. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

Andreas und Daniel teilen nicht nur eine lebenslange Freundschaft, sondern auch ihre Ausbildung zum Automechaniker in der pittoresken Garage von Herisau. Doch während Andreas in der Welt der Motoren aufblüht, fühlt sich Daniel in seiner Ausbildung gefangen. Sein wahrer Traum ist es, als Influencer die Welt zu erobern. Um spektakulären Content für seine Follower zu kreieren, lässt er sich von Andreas bei waghalsigen Stunts filmen.

Doch in ihrem Streben nach dem nächsten aufregenden Moment verlieren die beiden Freunde den Bezug zur Realität. Auf der Jagd nach dem ultimativen “Thrill” stürzen sie sich in gefährliche Situationen und verfallen immer mehr dem Sog von Drogen. Die Grenze zwischen ihrem eigenen Leben und den inszenierten Abenteuern verschwimmt zusehends.

Inmitten des Rauschs und der sich überschlagenden Ereignisse kommt es zu einem tragischen Zwischenfall, der nicht nur ihre Freundschaft auf die Probe stellt, sondern auch ihr gesamtes Leben auf den Kopf stellt. Während die beiden nach Antworten suchen, erkennen sie, dass ihre Suche nach Extremen nicht nur ihren emotionalen, sondern auch ihren physischen Zustand auf eine harte Probe gestellt hat. Eine Geschichte über Freundschaft, Selbstfindung und die gefährlichen Abgründe, die sich auftun, wenn man die Realität aus den Augen verliert.

Omegäng

Omegäng

Tauche ein „zmitzt“ in die faszinierende Welt unseres Dialekts und entdecke, warum er trotz der Globalisierung weiterhin blüht. Vor 160 Jahren, während des “Eisenbahnzeitalters”, fürchtete die Deutschschweiz den Verlust ihres Dialekts zugunsten des Hochdeutschen. Doch heute erleben wir das Gegenteil – der Dialekt bleibt lebendig und vielfältig.

Begegne herausragenden Mundartkünstlerinnen und Künstlern wie Franz Hohler und Big Zis. Sie und andere Personen aus Wissenschaft, Politik, Musik und Dörfern setzen sich im Film OMEGÄNG auf einzigartige und akribische Weise mit unserem Dialekt auseinander. Von Bühnen über Kellerräume bis zu den majestätischen Alpen – diese Menschen alle tragen dazu bei, dass unsere Sprache weiterhin gedeiht.

Erfahre erstaunliches über die Bedeutung von “omegäng” – einem vergessenen berndeutschen Dialektwort – und komm mit auf eine fesselnden Reise durch die moderne und alpine Deutschschweiz. Triff Menschen, die sich kreativ mit dem Schweizer Dialekt befassen, sei es stöbernd in alten Archiven, wo tausende Flüche schlummern, oder auf den Bühnen unseres Landes, wo Mundart als feministische Poesie messerscharfe Kritik übt, oder in die Dörfer wo “omegäng” noch immer gebraucht wird.

Wir werfen einen faszinierenden Blick auf sprachliche Veränderungen, die einerseits nostalgisch stimmen, andererseits aber auch gesellschaftliche Sprengkraft haben. Sei Teil dieser mitreissenden Reise durch unsere vielfältige Sprachlandschaft!

Franz Hohler – Franz Hohler ist ein Schweizer Schriftsteller, Kabarettist und Liedermacher.

Big Zis – Big Zis ist eine Schweizer Rapperin aus Winterthur im Kanton Zürich.

Pedro Lenz – Pedro Lenz ist ein Schweizer Schriftsteller, der meist in Mundart schreibt und vorträgt.

Alwa Alibi – Alwa Alibi ist eine Berner Rapperin, welche mit Mundart-Rap ihre Gedanken und Erfahrungen teilt.

Cachita – Die Rapperin und Muskerin verbindet in ihren Texten Englisch, Spanisch und Schweizerdeutsch. 

Simone Felber – Mezzosopranistin, Leitung des Jodler:innenchors Echo vom Eierstock

Nadia Zollinger – Betreibt den Podcast «Dini Mundart»: Als Kämpferin für den Dialekt

Markus Gasser – Betreibt den Podcast «Dini Mundart»: Als Kämpfer für den Dialekt

Christoph Landolt – Chefredaktor Schweizerisches Idiotikon

Promotions Partner:innen
Schweizerdeutsch.Info | Orell Füssli

 

Hier alle Vorstellungen immer aktuell

Se solo potessi ibernarmi

Se solo potessi ibernarmi

Vincitore del Premio del Pubblico al Film Festival Diritti Umani Lugano

Lontano dal romanticismo dei viaggi, la regista mongola Zoljargal Purevdash racconta la storia di un adolescente di talento che deve assumersi la responsabilità della sua famiglia, con molto umorismo e speranza.

Ulzii, un adolescente indigente ma molto dotato e orgoglioso, vive con la sua famiglia nel quartiere delle yurte di Ulaanbaatar. Ha la possibilità di dimostrare il suo eccezionale talento accademico in una gara di fisica, che significa una borsa di studio e la prospettiva di un futuro. Ma prima deve far superare ai suoi fratelli e sorelle il gelido inverno, e per farlo deve accettare un lavoro rischioso.

La regista mongola Zoljargal Purevdash racconta la storia senza compromessi di un adolescente pragmatico che diventa adulto nel freddo spietato della Mongolia, trovando umorismo e calore nella vita quotidiana della famiglia.

Questa storia gli ha assicurato un posto al Festival di Cannes di quest’anno, come primo film mongolo nella storia del festival.

« Un’opera prima sicura di sé  » Screendaily

« SE SOLO PORTESSI IBERNARMI mette in luce non solo il divario tra città e campagna, ma anche la disparità socio-economica all’interno della metropoli » View of the Arts

« Onesto e commovente » View of the Arts

« SE SOLO PORTESSI IBERNARMI è un dramma sociale schietto con rilevanza locale, fascino universale e molto cuore » View of the Arts

«Una storia avvincente di difficoltà e ambizione » A Good Movie to Watch

Promotional Partners
Mandach Naran

La Sirena

La Sirena

Uno sguardo all’assedio di Abadan nel 1980 attraverso il potere astrattivo e curativo dell’animazione

1980, Abadan. La capitale dell’industria petrolifera iraniana resiste all’assedio iracheno. Il quattordicenne Omid ha sfidato l’assedio ed è rimasto in città con il nonno per aspettare il ritorno del fratello maggiore dal fronte. Insieme a Omid, sono rimasti in città alcuni personaggi straordinari, che hanno tutti le loro ragioni e resistono a modo loro. Ma il cappio si stringe quando Omid cerca di salvare i suoi nuovi conoscenti con l’aiuto di una barca abbandonata che trova nel porto e che diventa la sua arca.

Con il potere astrattivo e curativo dell’animazione, Sepideh Farsi ha creato un racconto d’avventura che trabocca di ottimismo, ponendo le donne e gli outsider sociali come protagonisti silenziosi di una guerra che era già iniziata con la Rivoluzione islamica in Iran prima degli attacchi iracheni.

Disco Boy

Disco Boy

Mesmerizzante e ipnotico – Sofilm

Visivamente sbalorditivo – The Guardian

Un’odissea prodigiosa – Arte

L’ipnotica opera prima di Giacomo Abbruzzese è stata accolta come una boccata d’aria fresca alla Berlinale e premiata con l’Orso d’argento per la fotografia di Hélène Louvart. L’intensa recitazione di Franz Rogowski è in armonia con l’esame della simultaneità di mondi diversi, dei confini sfumati e della domanda di storie nuove e contemporanee in questo dramma su un legionario straniero.

Aleksei è disposto a tutto pur di fuggire dalla Bielorussia. Si reca a Parigi e si arruola nella Legione Straniera. Viene inviato a combattere nel Delta del Niger, dove il giovane rivoluzionario Jomo lotta contro le compagnie petrolifere che hanno devastato il suo villaggio. Mentre Aleksei cerca una nuova famiglia nella legione, Jomo immagina di diventare un ballerino, un ragazzo da discoteca. Nella giungla, i loro sogni e i loro destini si incroceranno.

Aleksei è un giovane bielorusso in fuga da un passato che deve seppellire. In una sorta di patto faustiano, diventa membro della Legione straniera francese e in cambio riceve la cittadinanza francese. Lontano, nel Delta del Niger, Jomo è un attivista rivoluzionario impegnato nella lotta armata per difendere la sua comunità. Aleksei è un soldato, Jomo un guerrigliero. Attraverso un’altra guerra insensata, i loro destini si intrecciano.

Che cos’è l'”alterità” e si può integrare nel proprio io mentre si attraversa la vita, attraversando i confini e trovandosi in uno spazio sempre diverso, sia fisicamente che mentalmente? Il pensiero e l’inventiva non convenzionali di Giacomo Abbruzzese ci colpiscono quando esplora queste domande attraverso una narrazione ricca di immagini e una messa in scena piena di poesia e di tensione fertile. I corpi attraversano stati di trance che sono allo stesso tempo rivelatori e donatori, in quanto creano la possibilità di comunicare. La potente colonna sonora del musicista elettronico Vitalic accompagna questa magica fantasticheria, contribuendo all’idea che il nightclub sia il luogo più vicino alla trascendenza e la destinazione finale per chi punta la bussola verso il sacro orizzonte dell’utopia.

Polish Prayers

Polish Prayers

Hanka Nobis riceve il Premio del cinema di Zurigo per la migliore regia (30.10.2023) – Estratto dalla dichiarazione della giuria: Il film d’esordio mostra in modo impressionante, attraverso lo sviluppo del suo giovane protagonista, che anni di polarizzazione del panorama politico in Polonia hanno portato a una divisione nella società. Il film diventa così non solo uno specchio sensibile di una giovane generazione, ma anche un ritratto di un’intera nazione. Con un accesso eccezionale, una macchina da presa empatica, un montaggio fluido e un concetto musicale che nasce direttamente dai movimenti giovanili, il regista crea un’opera senza compromessi che solleva molte domande e apre un dibattito che deve essere condotto non solo in Polonia. Zurich Film Award

Uno dei documentari più toccanti e pieni di speranza da molto tempo a questa parte! – ARRTV https://arttv.ch/film/polish-prayers/

Un esordio avvincente, tanto illuminante quanto sconvolgente. – FILMUFORIA

Un’opera potente e senza compromessi – e un esordio toccante, intenso e profondo senza essere giudicante. – CINEUROPA

Il ventiduenne Antek, cattolico tradizionale in Polonia, ha idee profondamente conservatrici. Ma quando si innamora per la prima volta, inizia a nutrire dei dubbi, prima sul divieto di fare sesso prematrimoniale e infine sull’esistenza di Dio.

Il ventiduenne Antek è destinato a diventare il leader religioso della Confraternita polacca ultraconservatrice. La Confraternita organizza contro-dimostrazioni agli eventi LGBTQI e si riunisce per riti di mascolinità nella foresta. Ma quando Antek sta per essere promosso, inizia a mettere in discussione i principi morali per i quali ha passato anni a lottare.

Nel corso di quattro anni, la regista Hanka Nobis accompagna il giovane carismatico e sensibile, che si identifica sempre meno con i valori tradizionali. In scambio con una cerchia di amici in costante cambiamento, Antek sviluppa la propria opinione su cosa significhi essere una brava persona.

Il nostro partner promozionale: Imbarco Immediato Bellinzona